ASPIC PSICOLOGIA per persone LGBTQ+

logo aspic psicologia lgbtq+Con l’acronimo LGBTQ+ ci si riferisce a tutte quelle persone che non si riconoscono nell’orientamento eterosessuale e che non vivono un’identità sessuale eteronormata. 

L’area di ASPIC PSICOLOGIA dedicata alle persone LGBT+ riconosce gli orientamenti sessuali non eterosessuali quali varianti naturali positivi dell’affettività e della sessualità umana. Il lavoro svolto dagli psicologi che afferiscono a quest’area parte dalla conoscenza delle realtà specifiche ed esclusive delle diversità di genere e orientamento sessuale, dei suoi processi e problemi più comuni e si pone come obiettivi:

  • promuovere una cultura psicologica orientata alla valorizzazione delle differenze e all’utilizzo di un approccio affermativo nella pratica clinica;
  • offrire un supporto psicologico di tipo affermativo per l’ottenimento del benessere delle persone e delle famiglie LGBT+. 

L’Approccio Affermativo

Nell’approccio affermativo quello che è centrale è il desiderio relazionale della persona (a prescindere dall’orientamento sessuale) e che, in ogni caso, è vista come una spinta positiva. Esso si traduce quindi come la capacità di riconoscere e supportare<<il valore e la liceità di qualsiasi scoperta possa fare l’individuo sulla propria struttura d’amore>> (Rigliano, Ciliberto & Ferrari, 2012).

I dati scientifici sui quali si basano gli approcci affermativi sono i seguenti (APA, 2012):

  • l’orientamento affettivo non eterosessuale è una variante normale e positiva della sessualità umana e non costituisce di per sé indicatore di disturbo mentale;
  • gli orientamenti affettivi non eterosessuali sono oggetto di stigma sociale che può avere conseguenze negative nei percorsi e processi evolutivi (ad esempio il minority stress);
  • gli affetti e i comportamenti non eterosessuali sono molteplici;
  • le persone LGBTQ+ possono condurre vite soddisfacenti, instaurare relazioni di coppia durature e formare famiglie solide tanto quanto quelle eterosessuali;
  • non esistono ricerche scientifiche che riconducono la non eterosessualità a traumi o alla disfunzionalità familiari.

In altre parole, essere una persona LGBTQ+ non implica in nessun modo e in nessun caso che ci sia una patologia di fondo, che si tratti di un disturbo e/o qualcosa di non desiderabile, che non si possano avere relazioni stabili e durature, che sia conseguenza di qualcosa che è andato storto ad un certo punto della vita della persona. Ciò che può causare disagiodifficoltà insoddisfazione nella vita di una persona LGBTQ+ è il contesto sociale caratterizzato da pregiudiziorifiuto discriminazione in cui la persona stessa si ritrova a vivere. E’ stato visto come tutto ciò porti gli individui non eterosessuali a dover fronteggiare ogni giorno una vasta gamma di fattori di stress:

  • minacce che provengono dall’esterno (es. discriminazioni, offese, violenze);
  • stato di allerta continuo per la paura di subire offese e/o violenze;
  • dover nascondere agli altri la propria identità sessuale (e quindi il fatto di non potersi mai sentire completamente rilassati e liberi di essere se stessi);
  • il pensiero introiettato dalla società di essere sbagliati, di valere di meno rispetto agli altri, di dover compensare la grave mancanza di non essere come tutti gli altri (omofobia interiorizzata). 

Tutto ciò ha ripercussioni enormi sia sulla salute fisica che su quella psicologica (depressione, ansia, tentativi di suicidio, sentimenti di inferiorità, vergogna, maggiori disturbi cardiovascolari, maggiori possibilità di sviluppare malattie degenerative, ecc.).

Obiettivi

Le persone LGBTQ+ si trovano quindi spesso a dover combattere delicate lotte di riconoscimento di sé affermazione personale nelle relazioni con gli altri e possono avvertire il bisogno di un sostegno psicologico per questioni legate all’identità sessuale o per sofferenze causate dai fattori che abbiamo visto in precedenza. ASPIC PSICOGIA per persone LGBTQ+ offre la certezza di trovare un ambiente competenteprivo di pregiudizi e stereotipi in cui le persone che non si riconoscono in un orientamento eterosessuale possono intraprendere un percorso di sostegno psicologico o di psicoterapia con il fine di liberarsi dai pregiudiziaccedere alle loro piene risorse e potenzialità e iniziare a vivere la loro vita nel modo più soddisfacente per loro stesse. Potrete avere accesso a:

  • colloqui informativi e di supporto per persone LGBTQ+ (e per i loro genitori, familiari e amici)
  • consulenza psicologica su problematiche connesse all’orientamento sessuale;
  • accompagnamento e supporto nell’esplorazione della propria identità sessuale e nel coming out;
  • supporto nella costruzione di una vita sentimentale e relazionale soddisfacente;

Perchè affidarsi a professionistə con competenze specifiche?

Per moltə professionistə della salute occuparsi di persone LGBTQ+ significa applicare paradigmi validi per la popolazione eterosessuale. Questo atteggiamento minimizza e nega le problematiche che le persone LGBTQ+ si trovano ad affrontare per il fatto di vivere in un mondo eterosessista.

La consulenza psicologica è il tuo personale spazio di libertà in cui, indipendentemente dal motivo per cui la richiedi, devi poterti sentire liberə di raccontarti senza la paura del giudizio o dello stigma, e senza dover essere tu a educare chi hai di fronte in merito alle tue modalità relazionali o affettive. Questo è il motivo per il quale una formazione specifica sul tema è imprescindibile: anche la semplice richiesta di informazioni o chiarimenti rispetto a dubbi e timori, deve poter incontrare una risposta competente, aggiornata e puntuale.

Esistono tematiche specifiche e proprie della popolazione LGBTQ+ che vengono solitamente ignorate dalla psicologia generale, per esempio: coming out, invisibilità sociale, difficoltà di adeguamento del contesto a una transizione di genere, differenze nella gestione del ruolo di genere in coppie omoaffettive, sessualità tra partner di genere uguale o in coppie in cui uno dei partner è asessuale o sta transizionando verso il genere opposto, isolamento in contesti sociali non accettanti, ecc. Anche se queste tematiche non appartengono necessariamente a tutti gli individui LGBTQ+ né è detto che siano inevitabili fonte di sofferenza, è importante che lə psicologə conosca tali peculiarità perché è solo così che si può comprendere al meglio il vissuto, dare senso e re-incorniciare il racconto di vita che in quel momento è causa di sofferenza per la persona che si ha di fronte.

Articoli di approfondimento

Chi siamo

All’interno di ASPIC PSICOLOGIA si è costituito un gruppo di lavoro formato da professionisti accomunati dall’interesse per le tematiche inerenti le dipendenze e dal desiderio di mettersi in rete e di condividere conoscenze ed esperienze.

Referente del gruppo di lavoro

melania_gabriele_aspicpsicologiaDr.ssa Melania Gabriele. Psicologa, Psicoterapeuta ad orientamento Pluralistico Integrato specializzata presso la Scuola di Specializzazione ASPIC. Svolgo attività clinica in sede (a Firenze) e online. Lavoro con adulti e adolescenti accompagnandoli nell’esplorazione dei propri bisogni e nel raggiungimento dei propri obiettivi. Parte del mio lavoro consiste nel facilitare le persone a mettere a fuoco cos’è che le blocca e, lavorando fianco a fianco, liberare le risorse di ognuno per raggiungere uno stato di maggior benessere. Sono esperta in tematiche LGBT+ e aiuto le persone ad accedere alle loro potenzialità, a liberarsi dai pregiudizi e iniziare a vivere la propria vita nel modo più soddisfacente per loro stesse. Afferisco al Centro d'Ascolto Psicologico (C.A.P.) di Aspic Psicologia e referente del Centro d'Ascolto Psicologico LGBTQ+.

Info e contatti

Per partecipare ai gruppi di lavoro o per poter usufruire dei servizi dell'Associazione è possibile scrivere a [email protected] oppure chiamare il numero 3274619868.

logo aspic psicologiaAltro su ASPIC PSICOLOGIA

Pubblicato il 29/12/2021 alle ore 15:49

Lgbt+ (1)

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
bonus psicologo

Buonus psicologico: guida per gli utenti e i professionisti

Le indicazioni riportate dal decreto attuativo per il Bonus Psicologo: tutte le informazioni utili per i professionisti e per i pazienti per accedervi.

Pubblicato il 16 giugno 2022 alle ore 09:32 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità

Esprimiamoci 2021/2022

Dal 22 ottobre riparte un nuovo ciclo di appuntamenti "Esprimiamoci": 10 appuntamenti online alla scopertà di sè e delle proprie risorse, in uno spazio di condivisione profondo e rispettoso. Scopri il programma e come partecipare.

Pubblicato il 21 settembre 2021 alle ore 17:59 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.