Fenomenologia e integrazione pluralistica

Fenomenologia e integrazione pluralistica

Libertà e autonomia di pensiero dello psicoterapeuta.

Autori: Edoardo Giusti - Antonio Iannazzo
Anno: 1998
Editore: Edizioni EUR
Pagine: 248
Prezzo: € 18,00
ISBN: 88-7730-043-4

Contenuti

L’incontro tra fenomenologia e psicologia è il fatto più nuovo e più ricco di conseguenze che sia accaduto nel pensiero scientifico tra Otto e Novecento. Grandi personalità mediatrici fra filosofia e scienza determinano l’apertura di una prospettiva nuova, diversa da quella che aveva caratterizzato la “rivoluzione scientifica” del secolo decimosettimo. Dilthey, Freud, Husserl, Jaspers, Jung, Binswanger, danno origine a una vicenda della quale si continua ad attingere la ricchezza e a sviluppare le virtualità progettuali. Un breve cenno va fatto alla psicologia della forma, che si collega con la fenomenologia attraverso il concetto di totalità.
Anche il presente saggio di Edoardo Giusti e Antonio Iannazzo va letto e inteso dal punto di vista prima individuato. Facilita il compito la prefazione di Bruno Callieri, uno dei più acuti rappresentanti della psichiatria fenomenologica in Italia.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC

Esprimiamoci 2021/2022

Dal 22 ottobre riparte un nuovo ciclo di appuntamenti "Esprimiamoci": 10 appuntamenti online alla scopertà di sè e delle proprie risorse, in uno spazio di condivisione profondo e rispettoso. Scopri il programma e come partecipare.

Pubblicato il 21 settembre 2021 alle ore 17:59 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita

Gay pride, visibilità LGBT+ e benessere psicologico

Per sostenere una comunità che chiede di essere vista, per sostenere la richiesta di diritti e parità, per poter trasformare una narrazione discriminatoria e tossica in una narrazione di gioia.

Pubblicato il 16 giugno 2021 alle ore 23:03 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.